History of the Self Portrait and the Selfie

Pieter Claesz |2

Pieter Claesz · Autoritratto in Vanitas · Natura morta · 1634 · Paul Getty Museum · Los Angeles

Pieter Claesz · Autoritratto in Vanitas · Natura morta · 1634 · Paul Getty Museum · Los Angeles

Non appena arriviamo all’arte contemporanea, le riflessioni generali sull’autoritratto sembrano doversi complicare. Per un motivo molto semplice: l’autoritratto classico è canonicamente ancora un ritratto, ma l’arte contemporanea, rifuggendo spesso il valore della rassomiglianza, di fatto sembra non porsi questo problema. Non si tratta, però, di una scelta che sopravviene all’improvviso nel Novecento. Prima di giungere alla negazione radicale dell’autoritratto, la storia dell’arte ci mostra tappe successive di avvicinamento. Pieter Claesz, artista tra i più richiesti per le nature morte con la tavola imbandita, ha l’abitudine di immettere nelle composizioni degli oggetti riflettenti e di inserire così nella scena l’intera stanza riflessa. In un quadro del 1634 la sfera metallica presente sul tavolo distorce la prospettiva degli oggetti secondo i canoni degli studi di ottica in quel momento più all’avanguardia, e nell’ambiente allargato che vi si distingue colloca se stesso mentre dipinge al cavalletto. Omar Calabrese · L’arte dell’autoritratto

.Pieter Claesz · Vanitas · Natura morta con autoritratto · 1634 · Paul Getty Museum · Los Angeles

Pieter Claesz · Vanitas · Natura morta con autoritratto · 1634 · Paul Getty Museum · Los Angeles

.
post-shadow_thumb2_thumb_thumb_thumb_thumb

This site is protected by wp-copyrightpro.com

%d bloggers like this: